Il solare termodinamico

Una soluzione versatile

Sul tetto, ma anche sul balcone, in terrazza o in giardino: il solare termodinamico sta prendendo sempre più piede nel nostro Paese. Unisce le tecnologie della pompa di calore e del collettore solare termico, esaltandone solo i punti di forza: è composto da un pannello solare semplice e leggero, da un compressore e dal serbatoio di accumulo dell’acqua.

La sua adattabilità a ogni superficie lo rende una soluzione efficiente e sicura per la produzione di acqua calda sanitaria nelle abitazioni. In più, ha una struttura estremamente leggera: un pannello solare termodinamico pesa in media solo 8 kg, rendendo superflua la realizzazione di eventuali opere di sostegno per la sua installazione.

I pannelli solari termodinamici si integrano perfettamente nell’impianto di riscaldamento primario, riducendone i costi fino al 70%. Ti consigliamo, tuttavia, di abbinarli a sistemi di riscaldamento a pannelli radianti, a pavimento o a soffitto per godere del maggiore rendimento possibile.

Solare termodinamico
Il solae termodinamico di Smartee

Acqua calda anche di notte

Il suo principio di funzionamento è basato sulle leggi della termodinamica. Sfrutta, infatti, le proprietà fisiche di un fluido refrigerante che, al cambio di stato liquido-gas-liquido, è in grado di trasferire il calore captato dai pannelli fino all’acqua che si desidera riscaldare.

Distinguiamo tutte le condizioni possibili:

  • Di notte: nelle ore notturne, se la temperatura esterna non scende sotto lo zero, il sistema riesce a lavorare grazie alla temperatura del fluido pari a -10°C, perché capace di prelevare calore dall’aria meno fredda.
  • Con il vento: anche se freddo, quando viene a contatto con i pannelli il vento genera calore grazie all’energia cinetica.
  • Con la pioggia: il vapore acqueo in cielo contiene una grande quantità di calore e la pioggia non scende mai sotto lo zero termico, quindi è una fonte di calore per il liquido all’interno dei pannelli.
  • Con il sole: i raggi solari sono una fonte di calore diretta per irraggiamento e forniscono ovviamente una quantità di calore assai maggiore, ma non sono fondamentali per il riscaldamento.

In quest’ultimo punto risiede la differenza con i pannelli solari termici tradizionali, rispetto a cui il solare termodinamico garantisce cinque significativi passi avanti:

  • Nessun pericolo di danni dovuti a stagnazione dei liquidi all’interno dei pannelli.
  • Nessun danno da sovrariscaldamento dei tubi in estate, con scarso utilizzo d’acqua calda.
  • Nessun bisogno di sistemi di anticongelamento.
  • Peso complessivo dei pannelli nettamente inferiore.
  • Manutenzione ridotta all’osso grazie all’assenza di masse d’aria in movimento: ricordati solo di controllare lo stato di carica del gas.

contatti-smartee
800.754114
info@smartee.it

Torna alle altre tecnologie